25 Aprile, 2024
lampe berger

Lampe Berger, un diffusore molto particolare che non copre, ma distrugge gli odori

Spesso e volentieri in ambito della cosmesi si sente parlare di Lampe Berger: si tratta, in poche parole, di un sistema di profumazione e di purificazione dell’aria che presenta numerose differenze rispetto a tutti gli altri. Infatti, può contare su una struttura diffusoria molto particolare, che non svolge una funzione esclusivamente coprente degli odori, ma va ad eliminare sul serio, tramite un processo di ossidazione catalitica, le molecole che caratterizzano i cattivi odori.

La sensazione di benessere che viene trasmessa da parte del sistema di profumazione Lampe Berger è immediata. Un metodo che risale al 1898, anno in cui è stato inventato da parte di Maurice Berger: a quei tempi, veniva utilizzato con l’intento di disinfettare gli ospedali, con tante persone che erano a rischio per via delle condizioni igieniche scadenti di quell’epoca.

Al giorno d’oggi, questo tipo di diffusori si può trovare anche direttamente online, evitando di doversi spostare da casa per recarsi in un negozio di profumeria o simili. Ci sono varie piattaforme sul web, come ad esempio www.fabioferro.eu, che mettono a disposizione un’ampia gamma di soluzioni per tutti coloro che sono intenzionati ad acquistare questi diffusori particolari, proponendo tanti modelli adatti a soddisfare anche le più disparate esigenze.

Le fragranze Lampe Berger

Ci sono addirittura più di 40 fragranze Lampe Berger: a parte le essenze maggiormente conosciute, ce ne sono altre che sono in grado di trasmettere una sensazione unica, come ad esempio quella che richiama l’erba selvatica, piuttosto che l’assenzio, l’eucalipto oppure le foglie di agrumi. Ovviamente ci sono anche delle essenze esotiche, come ad esempio quelle che traggono ispirazione dalle brezze oceaniche, oppure altre che vanno a richiamare delle profumazioni floreali notevolmente intense, come iris, lillà o gelsomino.

Come scegliere i diffusori per essenze

I diffusori di essenze si possono comprare sia sul web che all’interno dei vari negozi di oggettistica: sul mercato ce ne sono davvero di ogni tipo, ma anche di qualsiasi dimensione e materiale. Un aspetto che si trova in comune è sicuramente la struttura: i principali diffusori per essenze, infatti, presenta una base che è formata da un supporto in cui deve essere piazzata una fonte di calore, mentre la parte più alta è formata da un contenitore di ridotte dimensioni in cui si deve inserire l’olio essenziale.

Tra i diversi modelli che vengono proposti in commercio è interessante mettere in evidenza come gran parte di tali modelli venga proposta in porcellana, sale himalayano, coccio, pietra e tanti altri materiali. I modelli diffusori a candela sono senz’altro quelli più conosciuti e vengono ribattezzati brucia-essenze.

In commercio si possono trovare anche dei diffusori a lampada, ovvero dei modelli che hanno la capacità di garantire l’illuminazione e la profumazione in contemporanea della stanza. Un’altra tipologia che si sta diffondendo sempre di più è senz’altro quella dei diffusori di essenze a ultrasuoni. Questi modelli hanno la capacità di ionizzare e provvedere alla purificazione dell’aria, migliorandone notevolmente la qualità. Stiamo facendo riferimento a dei prodotti decisamente al passo con i tempi, contraddistinti da un design con cui si può provvedere alla profumazione e, al tempo stesso, alla decorazione degli ambienti in cui si passa gran parte delle proprie giornate.

Leggi anche...

Ridurre gli attacchi di fame: alcuni semplici trucchi per non abbuffarsi in continuazione

Indice dell’articolo A cosa sono dovuti gli attacchi di fame? 10 trucchi per ridurre gli …